fbpx skip to Main Content
Mercati Alla Ricerca Di Fattori Esterni.  (news Del 29/10/2019 – Per La News In Tempo Reale Tel. Al Dr. Mario Boggini)

Mercati alla ricerca di fattori esterni.  (news del 29/10/2019 – per la news in tempo reale tel. al Dr. Mario Boggini)

ATTENZIONE: per i post in tempo reale contattare il dottor Mario Boggini +39 338 6067872

Il mercato continua ad essere “supportivo”, si difende dai ribassi ma non possiede sufficiente forza per 

risalire e continua a rimanere in attesa di eventi esterni, quali l’accordo Cina Usa, il meteo non ottimale in Usa e i dati reali sui raccolti che probabilmente arriveranno solo a fine novembre.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano,  29 ottobre 2019 – Riguardo ai dati dei raccolti le informazioni indicano che siano tutti per un sostegno delle quotazioni non certo per un loro calo almeno per corn e semi di soia. Infatti la raccolta del corn è al 41% contro il 61% della media dei 5 anni. La condizione di “buono/eccellente” è al 58% contro il 56% della scorsa settimana e contro il 68% dello scorso anno. La raccolta del seme è al 62% contro 46% della scorsa settimana e contro il 78% per lo scorso anno e non compare la definizione buono/eccellente. La semina del grano invernale è al 85% contro il 82% della media dei 5 anni. Il “buono/eccellente” è al 56% contro il 53% dello scorso anno.

Altre turbative sul mercato sono la Brexit, che può avere riflessi sulla valuta euro/dollaro, e la vittoria del Fronte Peronista in Argentina che potrebbe portare a dazi all’esportazione, ma per questo ci vorranno settimane.

Mentre scriviamo il telematico indica tutto in andamento misto ma senza grandi variazioni.

Sul mercato interno da segnalare il persistere di momenti di  tensione sulla logistica via camion dall’estero, quindi per cereali e seme di soya. I cruscami di grano sono in risalita, fenomeno che potrebbe durare del tempo, si stanno invece stabilizzando i sottoprodotti delle riserie, stabili anche i residui dell’industria degli amidi, cereali in leggera tensione per quelli di provenienza estera, ma comunque prezzi sempre accettabili dal consumo: mais sui porti a 170€ ton. silos interni dai 170€ sino a 175€ in base alle varie località, mais arrivo camion sul gennaio marzo su Mantova a 177/8€ e gennaio giugno a 180/1€, sempre Mn; orzo estero 64/65 di peso tra i 185/190€ arrivo Brescia mentre per merce più pesante 66/68 di peso si arriva a 195€.

Per i proteici la farina di girasole normale, stabile così come per la far colza, in calo quasi sul fondo la farina di girasole proteico, per la farina di soya il mercato sul vicino ancora condizionato dalle numerose rivendite che ieri quotavano il pronto a 324€ per la proteica e 314€ per la normale mentre il 2020 a 319€ per la 44 normale e 329€ per la proteica 46,50. Si segnalano invece anomalie nei prezzi e nel mercato del seme di soya forse condizionato dalle scoperture di un importatore; ieri inizialmente chiedevano 356 e poi sono state registrate rivendite a 343.  Ma il mercato dei proteici sui futuri si giocherà molto sul cambio e non sui fondamentali, quindi i valori saranno presumibilmente con valori che registrerà  Chicago.

Difficile ancora fare previsioni ma si prevede un inasprimento nel periodo invernale per la logistica e per il meteo.

Per il comparto biodigestori poco o nulla da segnalare se non suggerire di approfittare di questo momento di stasi dei sottoprodotti dell’industria del riso e delle farinette di mais, ancora del mais bianco-giallo a 140€ partenza Cremona.

Indicatori internazionali 29 ottobre 2019
l’Indice dei noli è sceso a 1801 punti, il petrolio è a quota 56,00$/bar  e l’indice di cambio €/$ segna 1,10835 (Hr. 8,20).

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)


(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Back To Top
×Close search
Cerca